Gastroenterite - 9 consigli pratici per superarla in fretta!

Spesso definita “influenza intestinale”, la gastroenterite è una problematica che colpisce lo stomaco e l’intestino. In questo articolo conosceremo meglio le cause, forme consigli pratici su come comportarsi in caso si presenti.

Che cos’è la Gastroenterite?

Si tratta di un’infiammazione a carico di stomaco ed intestino tenue. Possono aversi dolori addominali, nausea, vomito e scariche di diarrea, i quali tendono a scomparire in un paio di giorni, ma in alcuni casi la gastroenterite può durare più a lungo.

Le cause della gastroenterite sono il più delle volte di natura virale, ovvero nell’organismo è riuscito ad attecchire un virus che si è moltiplicato e fatto sentire attraverso dei caratteristici sintomi. Norovirusrotavirusadenovirus enterici e astrovirus sono i virus più comunemente responsabili del disturbo.

Esiste però anche una gastroenterite provocata da batteri come Salmonella, Escherichia coli, Listeria o Staphylococcus aureus. In questi casi si parla di intossicazioni alimentari dato che è possibile che questi batteri siano presenti su qualche alimento mal conservato e contaminato che si è inavvertitamente consumato.

Nello specifico la Gastroenterite può essere:

Acuta (durata un paio di giorni)

Persistente (dura circa 2 settimane)

Cronica (dura per oltre un mese)

La seconda e la terza opzione vanno tenute sotto controllo da parte del proprio medico curante o da un gastroenterologo.
In questi casi una visita gastroenterologica è quello che ti serve. Prenotala con CupSubito! Ricerca la disponibilità qui>> 

Consigli per affrontare la Gastroenterite

Reintegrare i liquidi persi. Sintomi come vomito e diarrea comportano la perdita di un ingente quantità di liquidi corporei e Sali minerali, entrambi preziosi per il funzionamento del nostro organismo. Il primo consiglio è quello di BERE MOLTO, via libra ad acqua tè e tisane, brodi, centrifugati e spremute.

Evitare Caffeina ed alcolici. La caffeina favorisce l' instabilità intestinale e potrebbe peggiorare la diarrea; gli alcolici invece agiscono da diuretici e possono aggravare le condizioni dello stomaco.

No al consumo di latte e latticini. Questi possono contribuire a peggiorare le scariche di diarrea a causa della carenza di lattasi, ossia enzimi che rendono il lattosio libero per l’assorbimento.

Si ai carboidrati complessi (patate, riso, pasta e pane) e carni bianche e pesce.

No ai piatti difficili da digerire, ad esempio piatti troppo grasi, conditi, salati o speziati.

Limitare le verdure fintanto che persiste la diarrea, soprattutto evitare quelle crude. Frutta e verdura crude infatti contengono più fibre e acqua e potrebbero facilitare i movimenti intestinali. Si possono consumare patate, carote e banane.

♦Salvo diversa indicazione medica, non occorre assumere antibiotici. La gastroenterite ha in genere origine virale e gli antibiotici non servono, dato che agiscono sui batteri.

♦Se necessario, è possibile assumere farmaci antidiarroici. Possono essere utili a fronteggiare situazioni in cui non è possibile andare in bagno di frequente. È bene però attenersi in maniera attenta alle indicazioni riportate sul foglietto illustrativo. Sono farmaci da banco e possono essere dunque acquistati in farmacia senza ricetta medica. 

♦Si consiglia l’assunzione di probiotici per ripristinare la flora batterica intestinale, ad esempio lo yogurt.


P.S. Dai un occhiata ai nostri ultimi articoli:

Reflusso Gastroesofageo - Un occhio di riguardo al peso!>>

Depressione - La carenza di una molecola nel sangue come possibile spia?>>

Detrazioni Spese Mediche - Le voci che non tutti conoscono>>

P.P.S. Dai uno sguardo alle promozioni del mese>>

Pin It

 

 

   

Back to Top